Home Page » Cosa fare

Diving all’Isola d’Elba: immersioni da non dimenticare!

Gli amanti delle immersioni, all’Isola d’Elba troveranno un vero e proprio paradiso composto da scorci e panorami tutti da scoprire, seguiti da professionisti attenti che sapranno instradare anche i meno esperti a questo sport.

Ospiti del nostro residence a Capoliveri avrete a disposizione i servizi di Tuffo Diving, la cui nuova sede sorge proprio presso Hotel Le Acacie, per garantirvi tutta la comodità e il relax di ha bisogno chi ha voglia di imparare.



Grazie ai servizi di questo centro tutti i sub già in possesso di brevetto potranno comodamente avventurarsi, a bordo del mezzo di proprietà Tuffo Diving, lungo i punti di immersione più battuti della zona, fra cui spicca la Costa dei Gabbiani.

Se ne avrete la necessità, potrete noleggiare l’attrezzatura direttamente presso il centro, non rischiando di rovinare la vostra durante il viaggio o gli spostamenti.

Chi invece non fosse dotato di patentino, potrà approfittare dei corsi Tuffo Diving presso il nostro hotel a Capoliveri per acquisirlo, e vivere il mare in tutta serenità.



Mete di diving all’Isola d’Elba consigliate sono:



- i Picchi di Pablo, nei pressi di Punta Bianca: 37 metri di profondità lungo la quale scoprire un emozionante varietà di organismi marini e panorami subacquei composti da larghi Canyon, pareti e fenditure



- lo Scoglietto di Portoferraio: si tratta del fondale che circonda una piccola isoletta che affiora dal mare, lungo i quali è possibile scorgere specie marine rare e suggestive quali le ricciole. In questa immersione, adatta ai più esperti, è possibile raggiungere i 48 metri di profondità.



- il Relitto di Pomonte: unica immersione che si può compiere anche senza imbarcazione, vi porterà alla scoperta dello scafo di Elviscot, imbarcazione affondata a causa della violenza marina nel 1972.

Poco profonda, e quindi adatta a tutti, questa immersione si caratterizza per la facilità con cui si può esplorare la poppa del relitto, in ottime condizioni sia materiali che di illuminazione.

Tags:  
Condividi questo articolo:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*